La vita sui pianeti è possibile quasi esclusivamente grazie alla presenza di Acqua.

Questo elemento risulta di primaria importanza per il sostentamento di ogni essere vivente. Dal punto di vista legislativo però si cerca di riservare un ampia gamma di diritti e tutele solo ad esseri con capacità di intendere e volere.

                               “Anche Acqua è viva e prova sentimenti.”

Recenti esperimenti effettuati in Giappone provano i cambiamenti quantistici all’interno della stessa acqua se sottoposta a diversi tipi di trattamenti.

L’acqua è il collagene che lega tutti gli esseri della galassia e oltre. Ci rende simili ai nostri oceani, quando la luna è piena la sua cristallizzazione cambia sia dentro che fuori di noi.

Oggi si celebra la giornata mondiale  per la tutela e la conservazione delle acque del nostro pianeta.

Una terra, la nostra, che viene attraversata da miriadi di corsi fluviali che regalano la vita ogni giorno ad un immenso numero di persone. Il Gange, per esempio, è la destinazione più gettonata da coloro che seguono la via del vuoto, la spiritualità che dona la pace .

                                 “Il fiume delle divinità per eccellenza.”

Il viaggio per arrivare nel fulcro, ossia Varanasi, odierna Benares, è una esperienza che cambia la vita profondamente.

Proprio nella giornata mondiale dell’acqua questo fiume, sacro per gli Hinduisti e Buddhisti, è diventato al pari di una persona fisica, avente gli stessi diritti. Nell’Uttarakhand, stato ai piedi dell’Himalaya, un giudice ha decretato oggi la personalità giuridica del fiume spesso, acquistando così le medesime qualità di un essere vivente, si mettono le basi per una giustizia più dettagliata e veritiera.

Speriamo con il cuore che oltre all’acqua si regolamentino anche tutti gli altri elementi o comunque tutti gli esseri che sebbene viventi non hanno la possibilità di parlare per se stessi e per i propri diritti; animali in primis.

“Molti sono gli Stati in questa direzione legislativa”

Abbiamo mandato un inviato di Seedster nella città dei morti sulle rive del Gange per efffettuare delle fotografie e riprese atte a  documentare il viaggio verso Varanasi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here