In epoca antica gli avvistamenti di uomini con tratti da animali erano all’ordine del giorno. Veri e propri mostri, come il famigerato Big-foot o anche detto Sasquatch, popolavano la terra, secondo alcune teorie post moderne chiamate del Paleo-contatto.

Secondo molti ricercatori invece, specializzati nella ricerca di forme umane ibride, alcune zone del globo sarebbero popolate da animali antropomorfi. Svariati laghi, nel corso del tempo, sono diventati famosi ed ogni anno sono la meta di turisti provenienti da tutte le parti del mondo.
Pensiamo al famoso mostro di Loch Ness del famoso lago del nord Europa. Soprannominato Nessie, la gigante creatura, è entrata nel campo mentale degli abitanti della zona circostante diventando oggetto di discussioni e varie sono le visite al sito.

“Parliamo di uomini lucertola, rettili gufi ed insetti.”

Così il “Dizionario Storico-Mitologico di tutti i Popoli del Mondo”, edito nel 1824, ci descrive l’enigmatica figura di Oannes il mitico dio Sumero dalle fattezze antropomorfe e di pesce. Disceso dal cielo attraverso un “uovo cosmico” questo dio avrebbe fatto le sue prime apparizioni tra il 3.000 ed il 4.000 a.C. (se non prima) segnando profondamente la cultura e la coscienza degli antichi popoli del subcontinente arabico.

Fin dall’antichità le remote saghe Babilonesi e Sumere ci hanno lasciato evidenti tracce della presenza di questo mito testimoniandoci altresì la sua esistenza in bassorilievi ed incisioni.

Vogliamo creare una mappa globale dei luoghi dove vi sono stati strani avvistamenti; cercando poi di riprodurre, in qualità artistica a tratti comico-surreale, gli umanimali con le loro fattezze non ordinarie.

“Il video sarà il primo di una serie”

La zoolatria era già presente prima del 3000 a.C. e rimase un fulcro culturale-religioso, anche quando l’uomo iniziò ad avere una presa di posizione differente nei confronti delle divinità antropomorfe. In Asia erano considerati veri e propri totem attraverso i quali, si acquistavano poteri sovrumani ed una forza incredibile.

Tutto questo sembra essere solo parte del passato ma non è così in quanto ancora moltissimi gruppi praticano questo tipo di discipline di metamorfosi.

Un termine più moderno per descrivere questa comunione è Paraumano.

“Il termine è stato utilizzato recentemente per descrivere un esperimento durante il quale scienziati della Shanghai Second Medical University hanno fuso con successo cellule umane con ovuli di coniglio, come riporta il 25 gennaio un articolo del National Geographic.”

Nel gennaio del 2017 è  stato decretato il successo di un gruppo di scienziati americani che ha sviluppato un embrione costituito da cellule metà uomo e metà animale, il maggior successo nello studio di chimere uomo-animale ed è un passo significativo verso lo sviluppo di embrioni animali con organi umani funzionanti.

Molti interventi al cuore, per esempio, sono fatti con parti di maiali e mucche.

I laghetti siano essi tropicali o di montagna hanno da sempre affascinato il mondo dei libri e del cinema. Troviamo laghi d’acqua dolce popolati da crudeli Piranha o mostri enormi che lasciano intravedere solo la loro ombra.

Secondo alcuni sciamani dell’Amazzonia vi è una rana chiamata Kambò, specie più grossa della genetica della famiglia Hylidae, il suo veleno  anche chiamato resina viene inserito attraverso micro punture nel corpo del paziente. Questo liquido contiene sostanze peptidi altamente depurative e di rafforzamento del sistema immunitario.

Le moderne correnti, atte a rivalutare i metodi di guarigioni degli antichi ed ancestrali sciamani della foresta amazzonica, stanno portando in Occidente svariate cerimonie di Kambò.

A livello simbolico LA RANA racchiude miriadi di significati legati ad un processo di evoluzione. Nasce dall’acqua poi cambia quasi completamente il suo corpo per adattarsi alla terra. Prosperità, trasformazione da negativo a positivo, rinascita, Heket il dio rana degli antichi egizi portava tutti elementi di innovazione.

Per gli antichi Maya era associata con l’arrivo delle piogge , quindi del raccolto e di conseguenza della vita.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here