The new million dollar hotel

 

Da sempre i monumenti storici delle grandi metropoli affascinano, ma soprattutto il loro cambiamento negli anni. Nel lontano 1923 due designer, i Parkinson crearono due hotel vicini gemelli, all’angolo tra la 5a e Maine.

Immaginate un hotel, che costa solo qualche dollaro a notte, dove tutte le camere sono identiche: una sola stanza di pochi metri quadri con cucina e una finestra molto grande. Situato all’interno del cuore di una delle più famose città del mondo.

Stiamo parlando del famoso Million dollar hotel.

Si trova nel centro di Downtown a Los Angeles. Negli anni i suoi abitanti sono cosi diventati famosi per la loro stravaganza da inspirare un film con Mel Gibson.

Abbiamo vissuto in questo hotel per  tre mesi. Sarà per il continuo rumore esterno ma dormire risulta difficile, un agglomerato urbano che palpita 24 h su 24, tutti i giorni e a te sembra di essere proprio nel centro di quel caos acustico.

Un grande ascensore collega tutti i piani e ogni volta all’interno ti imbattevi in personaggi incredibili.

Al piano terra si trova la zona per il bucato, ossia le classiche lavatrici a gettoni made in usa. Mentre aspettavi il bucato potevi incontrare i coinquilini. Artisti, vagabondi, drogati e spacciatori erano all’ordine del giorno.

La cosa particolare è che dopo la nostra visita hanno vuoi per coincidenza o per altro cambiato la famosa scritta sul cosi detto rooftop in The new million dollar hotel.

Nel 2003 è entrato a far parte del registro dei monumenti storici di Los Angeles.

All’inizio si chiamava Roslyn aveva 800 stanze poi ha cambiato nome in Million dollar e ha più di 155 stanze nella parte sinistra. Poi i lavori di ristrutturazione continuarono e il rinnovamento dell’hotel è costato la bellezza di 16milioni di dollari e 16 mesi di lavoro. Almeno un 50 stanze sono state date agli homeless storici che già abitavano il vecchio stabilimento togliendoli così una volta per tutte dalle strade.

Le immagine che vedrete in questo inedito lavoro video si riferiscono al periodo d’oro del Million ossia il 2010.

In realtà , essendo italiano, ogni dove volgevi lo sguardo ti sembrava di essere in un film.

Persino un artista come Win Wenders fu affascinato da questo luogo e i suoi abitanti.

A seguito il link del profondo “Million dollar hotel”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here