Il 18/14/18 siamo atterrati all’aeroporto di Olbia, la nostra destinazione è il circuito di Nuraghi presente nel nord della Sardegna. I Nuraghi sono una civiltà antichissima in buonissimi rapporti con l’Egitto grazie alla loro potente flotta navale.

“Quando Ramses andava in guerra non lasciava il suo regno nè alla madre nè al figlio ma a questo soldato Shardana nuragico chiamato Serramanna” 

nuraghe malchittu

                                         cit -Nino Fancello- (contributi video)

La Sardegna è un’isola ricca di misteri, come anche quello che ha risuonato alle ore 9.29 del 21/14/18. Ero disteso sul divano proprio a ridosso del balcone, che dava sul porto del cervo, quando un boato intenso mi ha fatto alzare di soprassalto; una nave, pensai ma quando sono uscito ho visto nel cielo, come se fosse passato un jet, la scia a nebulosa ma con un effetto notturno. Alcuni giorni dopo, esattamente il 24/14/18, un altro boato ma di minore intensità. Sembrano stelle cadenti ma in realtà sono vere e proprie meteore. Agenti vaganti nell’atmosfera terrestre che li brucia ad una velocità smisurata.

Le particelle di stelle non sono molto diverse da noi, abbiamo molti elementi in comune.

Le impattiti, le folgoriti, le meteore, sono un collegamento energetico alla base dei normali ritmi vitali dell’ecosistema. La vita molto probabilmente è nata da una meteora esplosa in un lago ricco di sostanze nutrienti. Gli antichi abitanti conoscevano bene le stelle ed i processi galattici e come testimonianza sono state costruite immense strutture collegate alle medesime costellazioni.

nuraghe mannu

Proprio in questi giorni sono svariati i servizi mandati in onda a proposito di questa isola: la Sardegna.

“James Cameron la identificava come la vecchia Atlantide.”

La popolazione sarda è anche la più longeva d’Italia ; in alcuni comuni, come in quello di Ogliastra, gli abitanti arrivano anche 120-130 anni.

             “Sveliamo i misteri dei Nuraghi di Sardegna, perchè qui vivono di più?”

Forse le radiazioni che questi enormi monoliti emanano risultano benefiche agli esseri che vivono intorno a loro. I Nuraghi sono più di 8000 e persino le immense tombe dei giganti arrivano a più di 1000, quelle ritrovate.. Secondo l’odierna teoria del paleo-contatto, ricordiamo che History channel con la sua troupe ha appena mandato un servizio sulla presenza aliena nell’isola, le fantastiche pietre del monte Prana sono diventate famose in tutto il mondo.

Secondo queste teorie gli alieni hanno fatto visita e base proprio in questa isola ed avevano contatti con la civiltà nuragica.

Io credo che questa terra sia veramente unica e particolare. Al tramonto ricordo che quattro anni fa con degli amici, sul mare una luce abbagliante si erse nei cieli ed il sole era già sotto l’ultima collina, per poi sparire ad una velocità super sonica.

Oggi è anche la patria, soprattutto durante la stagione estiva, di persone ricche e famose con barche da capogiro e locali all’ultima Moda. In soli tre mesi si trasforma in una vera e propria metropoli con gente proveniente da tutto il globo. Negozi e marche prestigiose hanno aperto qui i loro atelier, ma non questa è , a parer nostro , la vera attrazione dell’isola. Ciò che interessa a noi di Seedster sono le antichità presenti del passato, le antiche cave della zona di Arzachena ancora visitabili e se sei fortunato puoi ancora incontrare sul tuo cammino tra la terra rossa ricca di ferro un frammento di quarzo bianco o un pezzetto di ossidiana scalfita dalle vecchie civiltà come le famose selci dei guerrieri dei popoli del mare. Nelle spiagge l’acqua è cristallina, di un colore trasparente difficile da trovare anche nelle zone più esotiche del pianeta.

Molti affermano che nei nostri mari sono presenti civiltà avanzate; dai Sumeri che dopo gli incontri con civiltà aliene, portarono a macchia d’olio questo sapere prezioso fino a qui alla civiltà nuragica che già 2000 anni prima di Cristo costruiva palazzi alti dieci piani quando in tutto il resto d’Italia la gente viveva ancora nelle grotte.

Una grande Antichità trasuda da queste immense rocce come se trasferissero intelligenza acquisita nel corso dei secoli.

Un ringraziamento particolare per la serata all’Agorà Dhuni con Nino Fancello, Maurizio e Sonia Flores della prima associazione di Canapa legale in Sardegna, i quali hanno contribuito alla riuscita di questo magico evento che ha portato sull’isola la leggenda del jazz internazionale SABIR MATEEN presso lo stazzu.

L’Unesco, dopo una grande assemblea tenutasi nella città di Napoli espresse delle “sentenze” in merito al patrimonio presente in Sardegna. Nell’assegnazione del riconoscimento fu deciso di adottare i seguenti criteri culturali:

  •  – ( .rappresentare un capolavoro del genio creativo dell’uomo );
  •  -( .essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa )
  •  – costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico, o di un paesaggio, che illustri una o più importanti fasi nella storia umana.
  • Seedster aggiunge anche il poco nominato ma ampio sistema geologico- minerario, le cave presenti sono fittissime e contengono campioni e reperti di inestimabile bellezza e rarità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here