Migliaia sono ancora oggi le squadre sulle tracce della vecchia Atlantide; ultime sono le notizie, di pochi mesi passati, che parlano di resti sicuri rinvenuti sulle coste spagnole. Uscito nelle sale neanche da un anno, la stampa ancora parla di Aquaman, il leggendario dio degli abissi. Diverse sono le sue armi, come il famigerato Tridente. Quest’ arma, ha tradizione antichissima. Inizialmente ha visto la sua prima funzione come strumento per i campi, in agricoltura, poi fu cambiato il numero degli arpioni e fu usato in battaglia, soprattutto dalla comunità Ninja, dove prese il nome di Sai.

Nato e cresciuto sulla terra, il primo discendente di Atlantide, ritorna in patria per salvare il mondo dal fratello e dal consiglio. Grazie all’aiuto del tridente riporterà la pace tra i popoli e il potere tornerà nelle sue mani.

Uomini di bronzo con tridenti dorati che montano cavallucci marini anch’essi di un colore splendente , argenteo. Si allineano in lotta contro una mandria di squali con a bordo ognuno il proprio condottiero , le redini sono fatte con alghe fluttuanti. Balene che emettono il loro l’atrato che fa da eco nel mare piu’ profondo. Immense strutture architettoniche della vecchia Atlantide si stagliano sui fondali nebbiosi di sabbia.

La forza del tridente fece sprofondare il popolo di Atlantide dalla terra ferma fino all’oceano più scuro e qui come un fiore di loto che nasce dal suo stesso magma, si sono sviluppati secondo un nuovo schema primordiale; hanno imparato a respirare e vivere sotto l’acqua, dando vita ad una civilta’ super -avanzata.

Ormai stanchi del cattivo andamento degli umani sulla terraferma, riguardo agli usi chimici ai danni del mare, il capo decide di mandare tsunami con tutta l’immondizia ricevuta, perche’ qualcuno dovrà pur pensare a madre Terra , immaginiamo a quanta vita regala a tutti senza chiedere nulla in cambio.

Un bambino pre-destinato si mette pero’ in mezzo, per salvare gli umani . La madre, Nicole Kidman, decise di vivere sulla terraferma stanca dell’acqua, un uomo terreno si innamoro’ di lei , nacque così Aquaman. Meta’ uomo meta’ anfibio, è dotato di una forza immane ed è l’unico che puo’ ritrovare il perduto tridente del re di Atlantide. Dopo immense lotte, finiscono in un tunnel spazio tempo subacqueo e intravede un raggio di luce che indica la strada.

Un guardiano pero’ inizia a parlare e lo invita a lasciarlo stare. Con un balzo Aquaman prende il tridente e con un gesto lascia intendere al guardiano la sua benevolenza, il quale acconsente.

Scenari visionari e una realta’ grafica impeccabile, come la ricostruzione della terra cava con il suo mare ricco di cascate e vegetazione rigogliosa.

Enormi meduse nuotano scivolando tra liquidi cristallini, con delle luci interne di colore blu che fluttuano lentamente, mentre si erge l’enorme Kraken dalle fauci da t-rex. I colori subacquei dei paesaggi ricordano l’albero della vita in “Avatar”

Molti sono i temi trattati in questo fanta- sci dai contenuti a specchio. Emergono molto problemi contemporanei legati alla tutela dell’ambiente in tutte le sue forme.

La colonna sonoro ricorda i vecchi ed eterni tangerine dream, ben giocata nel volume durante i viaggi nelle capsule -sommergibili dove viaggia anche Acquaman e la prescelta di Atlantanna. Superano nel tragitto diverse barriere composte da plasma;

ED ENTRANO IN MONDI DI ANImALI FLUTTUANTI, TARTarughe, balene, immense mandrie di mante alate bianche e nere.

Il Tridente o Tri-shu è fatto da una lega datogli direttamente da Poseidone; è in grado di comandare tutti gli oceani. Emana delle onde elettromagnetiche con le quali plasma la realta’ circostante; da non dimenticare la scena quando si trova sul terzo occhio del kraken, l’immenso.

In riva al mare nell’anfiteatro romano, di spicco l’inquadratura e la scena quando la statua di Romolo indica la via con il cannocchiale stroboscopico. Anche la Sicilia è stata usata per le riprese; in un paesino sperduto, che non è computer grafica, come alcuni sostengono, ma è un reale borgo sul mare nel sud dell’isola. Passaggi attraverso i muri e salti sopra i tetti italiani con le campane che suonano puntuali, ad ogni rintocco.

Tri-shu

In India il Tridente è venerato in quanto arma di protezione di molti maestri. Shiva si mostra sempre con un tamburo ed un tridente, per questo vediamo ancor oggi molti Sadhu che brandiscono i loro tridenti lungo il corso del Gange sulle rive di Varanasi intrisi di conoscenza come il Lersi.

L’infinito Guru Rimpoche, con i suoi protettori come Kilaya o Purbha, anch’egli con il suo mastro tridente.

Le scene delle devastazioni della vecchia Atlantide, che diventeranno poi i luoghi dei combattimenti sotto l’acqua; si formano delle vere e proprie capsule , caratterizzate da :ouhxhhe ejdh eh uefh uefh fuhwihf, continui i suoni sommessi come dei sobbugli ,degli spostamenti d’aria sottomarini.

Creano un grandioso effetto visivo i fumogeni subacquei usati per allontanare i numerosi ed orridi abitanti del regno di trench, che si affiancano in stranezza al popolo delle paludi, i quali erano propensi al dialogo educativo con gli esseri umani , invece che al bombardamento mirato.

Se questo film avrebbe una etichetta finale con scritti all’interno gli ingredienti usati; ci sarebbero tante calorie e pochi carboidrati, una lieve dose di edulcoranti, e quel rumore letterario caratteristico delle vicende cinematografiche di questi tempi.

Anche al tempo dei Sumeri creatori di Vita esistevano I TRIDENTI COME STRUMENTI DIVINATORI E DI DIFESA.

Jason momoa e l’incantevole Ambert regalano una interpretazione abbastanza normale anche se anormali sono le doti fisiche di entrambi.

Anticamente si chiamava Orin, personaggio dei fumetti creato da Paul Norris per la Dc comics. Con Namor , della Marvel comics erano le saghe legate appunto al mito di atlantide.

Che sia un tridente , o un bastone sciamanico decorato con pietre e animali totem , gli strumenti esoterici riscaldandoli con il corpo, funzionano come dei cristalli di quarzo e la magia inizia nel momento in cui uno crede esista.

Phurba

Ricercatori di tutto il mondo sono ancora sulle orme di questa antica civiltà, ATLANTIDE si pensava il Giappone, le Bahamas poi la Sardegna, la Grecia, il Portogallo e la Spagna. Forse non vuole essere trovata oppure si svelerà in un istante, nel momento più opportuno. Per ora è bene gustarla nelle sale, dentro o fuori la mente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here