La pellicola, se così si può definire, è appena uscita su Amazon Prime Video, la giungla del compravendita della film industry moderna. Si tratta del seguito del Mokumentary intitolato “Borat” con protagonista Sacha Baron Cohen. Inizia con i classici titoli di presentazione e fin da subito si percepisce una energia malevola, subdola e finta.

Essi cercano di far sembrare questo film farina del sacco dei Beni Culturali del Kazakhstan; come se fosse un paese arretrato povero e da deridere. Ricordiamo che questo stato asiatico ha fatto parte dell’Unione Sovietica diventando nel tempo parecchio sviluppato e all’avanguardia. Sembra quasi che gli Americani non potendo prendersela con la Russia mirino ora agli altri stati facenti parte dell’ex confederazione sovietica.

Il fatto dissacrante è che in realtà tutte le immagini del film sono state girate in Romania ed anche gli attori non sono assolutamente di origine Kazaka, in quanto essi sono al cento per cento di origine asiatica e quindi con i classici e bellissimi occhi a mandorla.

Essi hanno origini nomadi antichissime i loro ancestrali si possono annoverare come i primi scopritori delle Americhe durante quel lungo viaggio nel famigerato passaggio a nord ovest. Il fatto incredibile è come un film del genere non abbia preso ancora alcuna seria denuncia da bloccarne perentoriamente la fruizione da parte del pubblico mondiale.

Essendo poi distribuito sulle pittaforme online può veramente arrivare dappertutto e questo è molto brutto perchè porta il campo mentale della gente in una direzione totalmente errata.

how many masks you wan were?

Una menzogna dopo l’altra si sussegue durante tutto il corso del moku, anche lo stesso Borat co-produttore ed ideatore, cerca di far ridere spegnendo luci altrui pensando così di brillare come una vera star.

Sacha Baron Cohen, scarso attore di cinema e totalmente incapace a livello teatrale, dovrebbe giusto tornare alla stand up comedy dalla quale nasce con i suoi amichetti come Russel brand o altri personaggetti di quel genere. Buono è che il film non uscirà mai nelle sale, almeno una consolazione per i veri amanti del cinema che credo sicuramente odino questo genere di lungometraggio televisivo.

Il film non fa ridere nè sorridere ma letteralmente innervosire, anche le musiche paiono decontestualizzate.

Il film sembra un inno al gioco sporco che spesso compie la politica o meglio; gli Usa hanno trovato nel cinema un alleato per la propaganda contro i paesi di origine mussulmana, ridicolizzandoli e falsificando la realtà delle cose a loro piacimento.

DID YOU TRUMP INTERVIEW AGAINST BORAT?

Senza dimenticare l’innato odio verso “madrerussia” che potrebbe essere veramente alla base della motivazione per la quale è stato fatto questo film.

Come non parlare di quando Borat, travestito da Trump, irrompe nell’assemblea di Pence, urlando: “Altri 4 anni”.

O ancora quando lascia fuori a dormire in una gabbia la povera ragazza che è costretta a seguirlo, l’immagine della donna riflette ideologie mussulmane, restrizioni obbligatori per la donna; tutto questo sta volgendo al termine. La donna ha pari diritti , ormai nel 2020. Nel finale poi quando gli cade il bicchiere tra le mani, pensa di aver diffuso lui il virus e ha la conferma da un suo assistente.

COME NELLA SCENA DEI CONTAGI, DOVE SI PRENDE GIOCO DELLE MISURE ADOTTATE PER DISTRUGGERE QUESTO VIRUS, BANALIZZA E LUCRA SU UN EVENTO CATASTROFICO!!!

Ecco è vero allora, Borat è un virus che si espande in silenzio.

Questo film malato esce nell’apice di questa era malata ed in realtà la rispecchia perfettamente. Girato durante il primo lockdown di primavera, con un piccola troupe, di nascosto come se non volessero essere visti come delle false spie appunto. Persino netflix ha deciso di dire no a questo tipo di pellicola macabra, falsa ed anticomica.

Non si deve far ridere prendendosi gioco di altre culture e genti.

La pelliccola dovrebbe essere censurata come in realtà è succcesso in Russia e in molti dei paesi facenti parte dellex unione sovietica.

Troppo facile cercar di spegnere la luce altrui piuttosto di accendere la propria.

Ed è chiatro che di luce interiore e spirituale il film non risuona. M a risuona quella parte stupida americana che speriamo vivamente sparisca con la nuova elezione del nuovo presidente Biden e vice presidente Kamala Harrris. Il Kazakistan è un paese di origine 100 per cento asiatica ricordiamo che sono anche i discendenti della mongolia e quindi del glorioso Gengis Khan. Il fatto particolare è la denominazione finale in stan che a mio avviso dovrebbe essere cambiata lasciando cosi il nome originario Kazak.

BORAT is?

Ora vogliamo pubblicare una testimonizna diretta; ossia abbiamo chiesto ad una citttadina del Kazakystan cosa ne pensa di questo film ossia quali sono le sue considerazioni:

Testimonianza di una cittadina Kazaka per privacy non sveleremo nome e cognome:

"In quanto cittadino kazako, sono profondamente offeso e insultato dal film" Borat "di Sasha Baron Coehn. Molti dicono che le preoccupazioni del popolo kazako non sono giustificate in quanto questo film prende in giro la società americana e la loro ignoranza.

Tuttavia, non si dovrebbe abusare della cultura di un altro paese, del potere statale per prendere in giro il proprio paese. Immagina di essere cresciuto per amare, amare, difendere e pregare per il tuo paese; lo tieni nel cuore, promuovilo quando vai all'estero, costruiscilo una buona reputazione. Poi arriva un perfetto sconosciuto, che non ha mai vissuto nella tua patria e inizia a diffondere pregiudizi cattivi, persino orribili, false informazioni sulla tua casa che ti ha allevato, nutrito e amato così tanto.

CHE COSA HA FATTO SACHA BARON COHEN.

Il mio paese è una terra di grandi nomadi con un grande cuore, spirito libero e ricca cultura. La nostra terra era abitata da Scinthians e Guns e anche noi siamo i discendenti del grande impero Gengis Khan. Il Kazakistan è un paese ricco di minerali e petrolio con un enorme potenziale, il primo uomo che è volato nello spazio ha intrapreso il suo viaggio dal nostro sito di lancio più grande (al mondo): Baikonur.

Tutte le scene di questo film non sono completamente vere, il mio paese è abitato da persone intelligenti, intelligenti ed eccezionali; questo film riflette solo l'immagine degenerativa del personaggio principale che è anche il produttore e l'inventore e sarà favorito da spettatori disgraziati come lui che non si preoccupano di studiare la storia della meravigliosa campagna del Kazakistan, che ha sviluppato la grande seconda grande economia in post - paesi sovietici. Secondo le norme morali e i principi della società moderna, è vietato deridere o discriminare i rappresentanti di altre culture, minoranze. Se questo film fosse stato girato in Occidente, deridendo la cultura dei neri, dei musulmani, dei gay o delle comunità LGBT, sarebbe stato criticato e giudicato. L'Occidente dice di trasmettere idee alle masse senza insulti, con rispetto, ma dove è finita adesso la famosa "tolleranza occidentale"? Perché tacciono?
Questo film prende in giro un'intera nazione! insulta la loro cultura, i loro valori che hanno accumulato e sviluppato nel corso dei secoli. La stessa "materia delle vite nere" ha scosso il mondo intero, chiedendo rispetto e tolleranza per le minoranze della società, in che modo Borat è diverso dalla "materia delle vite nere"? Chiediamo lo stesso rispetto anche per il popolo kazako, che, tra l'altro, è anche una minoranza.





Is Borat stupid?

” As a Kazakh citizen, i’m deeply offended and insulted by the movie “Borat” by sasha baron coehn. Many says that Kazakh people’s concern are not justified as this movie mocks about american society and their ignorance.

However, one shouldn’t abuse another country’s culture, state power in order to make fun of its own country. Imagine being raised to love, cherish, defend and pray for your country; you keep it in your heart, promote it when you go abroad, build a good reputation for it. Then comes a complete stranger, who has never lived in your homeland and start to spread bad, even horrible prejudices, false information about your home who raised, feed and loved you so much.

THAT WHAT SACHA BARON COHEN DID.

My country is a land of greats nomads with a big heart, free spirit and rich culture. Our land was inhabitated by Scinthians and Guns and we are the descendant of the great Gengis Khan empire too. Kazakystan is a mineral , oil rich country with a huge potential, the first man who flew to space took his journey from our ( the world’s) biggest launch site: Baikonur.

All the scenes of this movie are completely not true my country is inhabitated by intelligent, smartand outstanding people; this movieonly reflects the degenerative image of the main character who’s also the producer and inventor and it will be favoured by brain-washed degratative viewrs like him who dont care to study history of marvellous countrry of Kazakistan, who developed the major second large economy in post- soviet countries.

According to the moral norms and principles of modern society, it is prohibited to mock or discriminate the representatives of other cultures, minorities. If this film had been shot in the West, mocking the culture of blacks, Muslims, gays or LGBT communities, it would have been criticised and judged. The west says to convey ideas to the masses without insults, with respect , but where has the famous “Western tolerance” gone now? Why are they being silent? This film makes fun of an entire nation! insults their culture, their values which they have accumulated and developed over the centuries.  The same “Black lives matter” shook the whole world, demanding respect and tolerance for the minorities of the society, how is Borat different  from “black lives matter”?  We also demand the same respect for the Kazakh people, who, by the way, are also a minority.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here